La Tecnologia a sostegno della Supply Chain Management

Scopri come la nostra tecnologia IoT traccia la tua merce. Richiedi gratuitamente il Trial Kit del nostro servizio senza impegno.

La rivoluzione digitale negli ultimi due anni ha subito una forte accelerazione allo scopo di rispondere ai disagi e alle esigenze del nuovo scenario pandemico, caratterizzato da un’impennata della domanda di beni e servizi di prima necessità e da un incremento dell'ecommerce del 21%.

In questo contesto le sinergie tra gli attori del mercato risultano di primaria importanza soprattutto nell’ambito della logistica, in quanto è proprio tale settore che garantisce il flusso continuo di prodotti e servizi tra l’impresa e il consumatore finale. Si fa riferimento alla Supply Chain Management per indicare tutte quelle serie di attività di pianificazione, esecuzione, stoccaggio, fornitura e controllo che permettono la gestione e il funzionamento dell’intera catena logistica.

Lo svolgimento di tutte queste attività è stato innovato e potenziato grazie all’impiego di tecnologie all’avanguardia come il 5G, l’Intelligenza Artificiale e il Machine Learning. Tali tecnologie, oltre a garantire un processo di modernizzazione, favoriscono la produzione, la raccolta e la trasmissione dei cosiddetti Big Data tramite, fra gli altri, l'utilizzo di sensori IoT. Questi dispositivi permettono di automatizzare e rendere intelligenti tutte le fasi della supply chain e in generale dei processi industriali.

L’IoT può essere impiegato per migliorare la produttività, la gestione e l’utilizzo ottimale delle risorse logistiche nonché, grazie ad un’attenta analisi dei dati, comprendere meglio le dinamiche di mercato, elaborare costantemente nuove previsioni e anticipare le nuove tendenze di consumo.

Queste tecnologie possono costituire un vantaggio competitivo interno del settore, e se implementate correttamente, garantiscono il successo dell’attività e della gestione dei flussi logistici. Inoltre, l'utilizzo di nuovi strumenti digitali, come per esempio della Blockchain, aumenta notevolmente la sicurezza durante lo scambio di informazioni e di conseguenza, elimina gli errori dovuti ad una mancata o scorretta comunicazione. La blockchain infatti, garantisce una maggiore affidabilità e trasparenza anche e soprattutto nell’ambito della contrattualistica.

L’impiego della tecnologia nel settore logistico è elemento chiave per l'innalzamento ed il miglioramento del LPI: ovvero del Logistics Performance Index.

Che cos’è il LPI?

Il Logistics Performance Index è uno strumento di benchmarking interattivo creato dalla World Bank per aiutare i paesi a identificare le opportunità e le sfide in materia di logistica commerciale.

Questo indice si basa su un sondaggio eseguito a livello mondiale (si consideri che l’ LPI del 2018 è stato il risultato del confronto tra 160 paesi) somministrato agli operatori sul campo, quali spedizionieri globali e vettori espressi, che forniscono un feedback sulle relazioni logistiche dei paesi in cui operano. Lo strumento raccoglie dati di valutazioni qualitative che permettono di conoscere la situazione nei vari paesi con cui si commercia e, in senso più ampio, sull'esperienza dell'ambiente logistico globale. Le risposte degli operatori sono integrate con dati di natura quantitativa sulle prestazioni dei componenti chiave della catena logistica nel paese di origine.

LPI è calcolato con lo scopo di costruire profili di compatibilità per i paesi coinvolti e misura le prestazioni lungo la catena logistica offrendo due diverse prospettive, LPI internazionale e LPI domestico, a secondo della provenienza dei dati.

In dettaglio, il Logistics Performance Index analizza i paesi attraverso sei variabili:
1. L'efficienza dello sdoganamento e della gestione delle frontiere;
2. La qualità delle infrastrutture legate al commercio e ai trasporti;
3. La facilità di organizzare spedizioni internazionali a prezzi competitivi spedizioni internazionali a prezzi competitivi;
4. La competenza e la qualità dei servizi logistici;
5. La capacità di seguire e rintracciare le spedizioni;
6. La frequenza con cui le spedizioni raggiungono i destinatari entro i tempi di consegna previsti.

Queste sei componenti rappresentano il fulcro centrale delle attività nel settore logistico.
Al giorno d’oggi se tali attività fossero sempre svolte in maniera puntuale e corretta, la logistica inciderebbe in maniera nettamente positiva sul mercato globale, garantendo dei servizi competitivi e di qualità. Ma nonostante le continue osservazioni sulle norme da rispettare, sulle attività da svolgere nelle diverse fasi della catena e sull’adozione delle tecnologie sopra citate, si possono verificare comunque disagi come ritardi, o addirittura mancate consegne, che creano problemi a valle nella filiera.

Merce scomparsa: critiche sui sistemi di tracking adoperati.

È stato il caso di un airfreight manager di una società toscana di spedizioni che ha perso le tracce di un carico di merci spedito via aereo, il quale nonostante i diversi strumenti di tracking adoperati dalla compagnia aerea non si siano trovate le tracce e ancora oggi la partita di merci (4 pallet di 20 metri cubi) risulta non arrivata a destinazione.

Il fulcro della vicenda è in prima istanza un caso di errata informazione; la compagnia ha infatti comunicato erroneamente che la merce era arrivata a destinazione. In secondo luogo, si e’ verificato un malfunzionamento, e quindi disservizio, dei sistemi di tracciamento digitali. Tali servizi infatti avevano successivamente rilevato che la merce era passata alla dogana statunitense ma in realtà era ferma a Dublino per motivi tecnici.

Questo caso mostra come nonostante si utilizzano sistemi di tracciamento sia necessario che questi siano adoperati in maniera adeguata e che prevedono una maggiore precisione e possibilità di comunicazione tra chi spedisce la merce e il destinatario.

Come evitare questi problemi?

Avvalendosi di un servizio di tracciamento trasparente, sicuro e che permette una visione real-time puntuale della propria merce. Questo è possibile grazie ad una piattaforma creata ad hoc con assistenza dedicata. Il nostro servizio JustFollow.it risponde perfettamente a queste richieste.

JustFollow.it utilizza un dispositivo di tracking che localizza la merce grazie alle reti Wifi private e pubbliche anche in ambienti chiusi e riporta costantemente gli aggiornamenti sul tragitto percorso dalla merce secondo intervalli di tempo personalizzabili dall’utente.

Se la merce, come nel caso sopracitato, si trovasse effettivamente all’aeroporto non sarebbe necessario consultare link esterni o contattare la compagnia aerea ma basterebbe fare login alla piattaforma e verificare la posizione esatta del proprio carico.

In questo modo si evitano le lunghe attese e le informazioni non accurate che spesso sono fornite da assistenze esterne.
Con JustFollow.it non è necessario alcun intermediario o assistenza di terzi in quanto è stato progettato come self service. Registrandosi alla piattaforma con credenziali personali, è possibile visualizzare dove si trova effettivamente il proprio carico, tappa dopo tappa e in modo indipendente da tutte le informazioni fornite dalle società predisposte al trasporto.

Vuoi spedire la tua merce in sicurezza? Visita il nostro sito JustFollow.it e richiedi una prova gratuita compilando il seguente form.

Per saperne di più seguici sui nostri canali social:

Posted in IoT, JustFollow.it.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *